Borca Centri Ottici

IL FONDATORE NONNO SEBIO

 IL FONDATORE NONNO SEBIO

 

Borca Giovanni Battista Eusebio nasce il 16 dicembre 1889 a Lozzo di Cadore da Borca Arcangelo Luigi e Calligaro Maria Elisabetta.

Dopo di lui i genitori hanno altri 4 figli.

Nel 1892 nasce Francesca che andrà sposa a Faustino Lorenzi in provincia di Brescia.

Nel 1895 nasce Maria Apollonia che andrà sposa a De Diana Lorenzo.

Nel 1898 nasce Onorina Apollonia che morirà all'età di quattro anni.

Nel 1900 nasce Pio che morirà nel 1942 senza essesi sposato e senza fare più ritorno dalla Nuova Zelanda.

Rimasto senza padre all'età di 14 anni, inizia presto a lavorare nel suopaese, dove opera soprattutto come fabbro-meccanico alle dipendenzedi Calligaro Valentino Scott.

Abita con i fratelli e la madre nella casa paterna dove vivono anche gli altri eredi del nonno Borca Giobatta.

Nel 1914 si reca in Svizzera dove trova lavoro a Sciaffusa.

Qui conosce Dagai Luigia, giovane italiana di Laste con cui si unisce in matrimonio.

Il 3 agosto del 1915 nasce Selina.

Nel 1916 rientra in Italia dove la guerra rende molto difficoltosa la vita quotidiana e anche per tragitti più brevi sono necessari permessi o lasciapassare.

In quel periodo presta servizio come pompiere ed acquista le quote della zia Eugenia della casa paterna.

Le cattive condizioni economiche e la mancanza di lavoro lo costringono nel 1917 a dotarsi di passaporto e ripartire questa volta per Milano dove rimane fino alla fine del 1918.

Nel frattempo nasce Arcangelo (1 settembre 1917) e Luigia da sola cerca di far fronte alle esigenze della famiglia.

Verso la fine del 1918 la guerra finisce e Eusebio ritorna a Lozzo.

Il 30 ottobre 1919 nasce Dino.

Nel suo paese partecipa attivamente alla vita comunitaria: fa parte del comitato per il monumentoai caduti natonel 1919, nel 1929 si candida in una lista elettorale per le elezioni comunali, si associa alla società Cooperativa di consumo e alla latteria sociale, dove farà per un periodo il cassiere e si iscrive alla biblioteca "il risveglio".

E' inoltre tra i fondatori della cooperativa di lavoro"indipendenza" associata alla Federazione Provinciale Cooperative di Lavoro per la cui sopravvivenza chiede aiuto ad un Deputato del partito socialista Italiano.

Il quel periodo acquisisce le quote del cugino Giobatta della casa paterna, si fa pagare i danni di guerra subiti nel conflitto appena terminato e esegue anche dei lavori alla caserma del forte di Col Vidal.

Le condizioni economiche tuttavia non migliorano, mentre i figlida sfamare sono ormai tre e allora verso fine del 1922 Eusebio si imbarca per la Nuova Zelanda.

Questi anni lontano dalla famiglia, sono lunghi e faticosi e alla fine, stanco, ritorna in Italia nel novembre 1927, ripercorrendo all'inverso il tragitto fatto cinque anni prima.

Al rientro in patria scopre che la moglie Luigia è riuscita, con sacrifici enormi, a mandare avanti la famigliasolo con le proprie forze, senza utilizzare i soldi inviati dalla Nuova Zelanda, e cosi si può permettere l'acquisto di un fondo con annessa stalla-fienile dove allevare una mucca.

Nell'ottobre 1929 acquista anche la parte d'eredità della sorella Francesca.

Il 2 marzo 1931 nasce Lio il quarto figlio.

il 18 aprile 1932 iniza la costruzione della casa sulla strada militare per Col Vidal.

Nel 1934 inizia l'attività di costruzione ed esercizio di impianti di teleferica per lavori boschivi.

Nel 1938 nasce la Borca &C (Borca Eusebio, Calligaro Lorenzo Scott, De Bon Luigi e Trenti Mario), la prima fabbrica di occhiali del paese, con sede sopra il Rio Rin.

Nel 1941 L'azienda si trasferisce in Via Col Vidal, vicino all'abitazione di Eusebio. Le condizioni economiche incominciano a migliorare leggermente ed Eusebio acquisisce altre quote della casa paterna e si permette anche l'acquisto di un apparecchio radiofonico.

Verso la fine del 1955 Eusebio con i tre figli maschi si dividedai soci, e nel 1956 inizia l'attività dell'Occhialeria Borca nel seminterrato della sua abitazione sulla scarpata della strada militare per Col Vidal, dove muore il 19 settembre 1961, facendo appena in tempo a conoscere l'ultimo nipote, Gianni attuale titolare della ditta BORCA OCCHIALI nato quindici giorni prima.